Punta Licosa in Cilento

Tra mito e mare, una perla naturale

Punta Licosa è uno dei luoghi più incantevoli del Cilento. Il suo nome deriva dal greco Leukosia (Λευκωσία, che si pronuncia lefkosía, in greco moderno) ed è legato alla leggenda della sirena Leucosia, che si diede la morte gettandosi da una rupe della costa, per non essere riuscita a sedurre Ulisse. Il suo corpo senza vita, prese poi le forme di uno scoglio, dando origine all’isola di Licosa.

Siamo nella parte meridionale del comune di Castellabate, tra le frazioni di San Marco e Ogliastro Marina; davanti ai nostri occhi una pineta incontaminata e un mare cristallino, incorniciato da calette incontaminate, incorniciate dalla macchia mediterranea. È uno dei luoghi del Cilento preferiti dai subacquei, dichiarata Riserva Marina Italiana Protetta (Area Marina Protetta Santa Maria di Castellabate), e vanta una delle spiagge più belle d’Italia.

Nelle sue acque limpide, in corrispondenza dell’isolotto di Licosa, su cui svetta il faro e il rudere della casa del guardiano, sono visibili i resti sommersi di una villa romana e di una vasca per l’allevamento delle murene, databile nell’arco di un periodo che va dal I secolo a.C. al I secolo d.C.

A Punta Licosa non si può accedere con mezzi motorizzati, per salvaguardare l’ambiente e l’atmosfera che caratterizza questo luogo, tutelato e protetto dal Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni.
C’è tanto da fare al Marbella Club ... per tutti!
Proposte di soggiorno al MARBELLA Club

Lasciaci il Tuo indirizzo email. Riceverai periodicamente aggiornamenti sulle nostre offerte.